Archivi giornalieri: 2 novembre 2018


CIMITERO O CAMPOSANTO?

La parola “cimitero”, attraverso il tardo latino “coemeterium” (=archivio), deriva dal greco κοιμητήριον (“koimētḕrion”, luogo di riposo), il cui etimo risale al verbo κοιμᾶν (“koimân”), che all’attivo significa  “fare addormentare”, al medio-passivo “addormentarsi”.

Il termine fa quindi riferimento al “sonno eterno”, all’Eterno riposo”, alla “dormitio” (altro termine presente nel catechismo cattolico per contesti più “elevati”) cui siamo destinati dopo il “passaggio a miglior vita”.

Il suo sinomimo, “camposanto”, nato nel XIV sec. (De Mauro, Il dizionario della lingua italiana), ha una matrice più specificamente cristiana, dato che, significando alla lettera  “il campo dei santi”, fa riferimento al destino che i Cristiani sperano comune per tutti i trapassati: il Paradiso dei Beati, nella descrizione icastica che ha regalato all’eternità il Sommo Dante Alighieri…

Eppure il primo mi è sempre piaciuto più del secondo… Vuoi perché è più “aperto” a diverse visioni della vita (cristiana come la mia, ma anche atea o agnostica, come nel caso di qualcun altro…), vuoi perché mi ha sempre colpito la dolcezza dell’immagine del sonno, del riposo, della meritata serenità.

Ma in ogni caso sono luoghi di legami affettivi tra vivi e morti (la “corrispondenza di amorosi sensi” di foscoliana memoria) e celebrazione eterna di valori storico-civili come l’amor di patria, la gloria, lìeroismo. Ecco perché in varie città esistono alcuni cimiteri definiti  “monumentali” (quelli che contengono le tombe di personaggi famosi), che purtuttavia non sottrarranno MAI valore a quelli “comuni”, finché ci sarà qualcuno di noi che vi andrà a depositare UN fiore sulla tomba di un proprio caro, per quanto questi si trovino “fuor de’ guardi pietosi”(I Sepolcri, v. 52)

latineloqui69

 


‘A livella

Ogn’anno, il 2 novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’ha dda fà chesta crianza;
ognuno ha dda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’è capitato ‘n avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del ’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
ce steva ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero- maronna- s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘na scopa ‘mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

vorrei saper da voi, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ ata fossa”.

“E cosa aspetti, o turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedè… -piglia ‘sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te sentì; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capì ca simmo eguale?…
…Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme ha ‘naato è tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’ a cervella
che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched’ è?…è ‘na livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o cunto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’è fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssentì…nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino- che te ‘mpuorta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo a’ morte!”.

Antonio de Curtis

latineloqui69