Passione sinistra

 

 

Una delle scene più toccanti del film

Una delle scene più toccanti del film 

 

Le cose belle della vita non sono le nostre certezze. Le cose belle della vita sono i nostri cambiamenti

 

 

Passione sinistra è un film italiano del 2013 diretto da Marco Ponti. Il film è liberamente tratto dal romanzo di Chiara Gamberale Una passione sinistra. Tra gli interpreti Geppi Cucciari, Vinicio Marchioni, Alessandro Preziosi, Valentina Lodovini ed Eva Riccobono.

Una storia che più attuale non si può. Nina (la bravissima Valentina Lodovini) e Bernardo (l’affermatissimo Vinicio Marchioni) sono una coppia abbastanza affiatata. La prima è un’idealista, fissata con la politica e decisamente di sinistra (“Io, se si presentasse Corto Maltese alle elezioni lo voterei subito!”), convinta che tutto ciò che fa potrà garantire un mondo migliore. Per questo motivo lavora pulito, odia chi cerca un modo per evadere le tasse e per “fregare” in generale. Il secondo è un intellettuale e uno scrittore, ma a livello personale è un uomo molto inconcludente. Parallelamente Giulio (l’intenso Alessandro Preziosi), arrogante e qualunquista, è fidanzato con Simonetta (Eva Riccobono), una svampita bionda che inciampa sui congiuntivi, sui termini e sull’italiano in generale (epica la scena della presentazione del libro di Bernardo, in cui lei esclama estasiata: “Ma questi libri li hai scritti tutti tu? E proprio tutti tutti uguali?”).

Un giorno Nina e Giulio si incontrano per puro caso per motivi “di lavoro” e fin dal primo momento si odiano nel profondo, in quanto sono troppo diversi e incompatibili nelle due opposte visioni della vita, sintetizzabili in “sinistra” e “destra”; eppure, il confine tra amore e odio è così labile che ben presto vengono travolti dalla passione, una “passione sinistra”, appunto.

Un cast strepitoso, in cui la coppia Lodovini- Marchioni viene completata da quella omologa Preziosi- Riccobono. A tal proposito notiamo, tra le righe, il riconoscimento che quest’ultima, nota soprattutto come super-modella, ha avuto conseguendo una  nomination al Nastro d’argento 2013 (Candidatura Migliore attrice non protagonista) e il Ciak d’oro 2013 (Migliore attrice non protagonista).

Eppure tutto questo ancora non basta, perché la perfetta riuscita del film è garantita dalla presenza di altri piccoli giganti del cinema italiano: accanto alla protagonista troviamo, infatti, un’immensa Geppi Cucciari nei panni di Martina, amica fedele e sincera di Nina, quindi anche la sua più spietata critica (“No che non va bene!!! Tu mangi il sushi! Kebab è di sinistra, sushi è di destra!”), che alla sua maniera mette in campo tutta la sua verve comica e caricaturale imparata nel suo inimitabile lavoro di cabarettista. Poi c’è Serge (interpretato dal bravissimo Jurii Ferrini, attore e regista teatrale italiano), che si scoprirà essere un imprevisto carissimo affetto del padre di Nina; ma c’è anche la figlia adolescente Angelica (efficacemente interpretata dalla giovanissima ma già bravissima Rossabell Laurenti Sellers, attrice statunitense naturalizzata italiana, nota al pubblico dei più giovani per aver interpretato la fortunata serie per ragazzi “Mia and Me”) che contribuirà a rendere frizzante l’incontro tra donne tanto diverse. E per finire, ultimo ma non ultimo, c’è posto anche per Marco Travaglio nei panni dell’inimitabile se stesso!

In sostanza, due ore di risate a non finire. Ma a fine film… la sana riflessione su chi siamo, come siamo e dove stiamo andando…

Le riprese del film sono state realizzate nel 2012 a Terracina e a Roma, di cui ci godiamo bellissimi e suggestivi posti a noi romani più o meno noti: Piazza del Popolo, Castel Sant’Angelo, Via dei Coronari, quartiere Parioli, esclusivi circoli sul Tevere, Centrale Montemartini, Ponte della Musica, quartiere Ostiense, Ostia.

Alla fine, nientemeno che le toccanti e nostalgiche note della strepitosa “The final countdown” degli Europe!!!

(Dati, immagine e linee essenziali della trama tratti da wikipedia.org)

Passione sinistraultima modifica: 2020-09-28T22:46:51+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *