Nevicata


Neve!

Neve!

(Immagine tratta da wikipedia)

Nevicata

 

Lenta fiocca la neve pe ‘l cielo cinereo: gridi,
suoni di vita più non salgono da la città,

non d’erbaiola il grido o corrente rumore di carro,
non d’amor la canzon ilare e di gioventù.

Da la torre di piazza roche per l’aere le ore
gemon, come sospir d’un mondo lungi dal dì.

Picchiano uccelli raminghi a’ vetri appannati: gli amici
spiriti reduci son, guardano e chiamano a me.

In breve, o cari, in breve – tu càlmati, indomito cuore –
giù al silenzio verrò, ne l’ombra riposerò.

 

Giosuè Carducci, Nevicata, Odi barbare.

Belissima a descrizione della nevicata, fatta di antitesi complementare di esterno/ interno.  A differenza di altre poesie dello stesso genere, però, il componimento è pervaso da un messaggio apparentemente “estraneo” al paesaggio innevato: il rapporto del poeta con la morta, la sua stanchezza della vita, la sua resa alla tristezza della dipartita dei propri cari.

Bella e commovente, nonostante il messaggio pessimistico del verso finale.

Latineloqui69

 

Nevicataultima modifica: 2018-02-26T15:22:14+01:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo