Signora Auschwitz: il dono della parola

signora auschwitz

Molto toccante la descrizione del nostro quotidiano (alunni di scuola che ascoltano più o meno interessati resoconti di esperienze a loro più o meno estranee, da parte di una “SIGNORA  AUSCHWITZ” a loro estranea….).

Non scorrevolissima l’esposizione (ma mi rendo conto che è una mia deformazione professionale…) e in ogni caso ci si può “passare sopra”…

RESTA BELLISSIMO IL MESSAGGIO della bravissima autrice, Edith Bruck, della quale mi piace ricordare questo pensiero: “Chi ha Auschwitz come coinquilino devastatore dentro di sé, scrivendone e parlandone non lo partorirà mai

DA NON PERDERE!

latineloqui69

Signora Auschwitz: il dono della parolaultima modifica: 2012-04-15T15:30:58+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *