GIORNATA MONDIALE DEGLI INSEGNANTI

 

La mia immagine profilo!

La mia immagine profilo!

 “Grazie a tutti gli insegnanti per tutto quello che fanno e soprattutto per quello che stanno facendo in questo periodo così difficile” (cit.)

La giornata mondiale degli insegnanti (conosciuta anche come “giornata internazionale degli insegnanti“) si tiene ogni anno il 5 ottobre dal 1994, commemorando le organizzazioni di insegnanti in tutto il mondo. Il suo obiettivo è quello di mobilitare il sostegno agli insegnanti e di garantire che i bisogni delle future generazioni continuino ad essere soddisfatte dai docenti.

Tornando a casa dal lavoro oggi ho avuto occasione di seguire su Radio Subasio un simpatico programma in cui il conduttore, per celebrare l’odierna “festa”, chiedeva agli ascoltatori di ricordare l’appellativo dei loro professori. Gli interventi sono stati spassosissimi! È venuto fuori che gli studenti affibbiano ai loro professori appellativi in base a:

  • vestiario;
  • personalità;
  • approccio relazionale.

Ed è verissimo!!! Mi sono ricordata quello che mi affibbiarono i miei studenti di un liceo classico in provincia di Roma la bellezza di più di vent’anni fa. Era unico e irripetibile! Quando lo scoprii (per puro caso, perché mi trovai nel posto sbagliato al momento sbagliato…) non mi arrabbiai con loro, ma scoppiai a ridere senza riuscire a fermarmi, tanta era la spassosità della cosa! Perché i ragazzi sono unici: colgono nostre manie, peculiarità e modi di essere meglio di uno psicologo durante una seduta sul lettino psicoanalitico!
Mitici, ragazzi!

Prendo quindi atto del bellissimo ringraziamento che lo speaker di Radio Subasio ha fatto a tutti noi docenti, ma devo aggiungere che gran parte del merito va ai ragazzi: sono loro che danno il giusto spirito vitale alle lezioni in classe! Senza di loro i nostri darebbero monologhi. Magari bellissimi, ma pur sempre dei tristi monologhi a senso unico!

GIORNATA MONDIALE DEGLI INSEGNANTIultima modifica: 2020-10-05T19:44:59+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *