Epigramma ed elegia a confronto


Epigramma ed elegia a confronto

(appunti per lezione di letteratura greca e latina)

 EPIGRAMMA

  • Beve componimento poetico di vario contenuto (erotico, satirico, idillico, realistico…) racchiuso in pochi versi
  • generalmente in distici elegiaci
  • in origine usato in Grecia  come iscrizione dedicatoria (epi +  gramma= scrittura sopra qualcosa)
  • Greci: Simonide di Ceo, Anite di Tegea, Nosside di Locri, Callimaco, Meleagro…
  • Romani: Marziale, che vi introduce l’elemento satirico  e mordace, destinato a rimanere caratteristica peculiare di questo componimento  > epigramma latino = satira!

ELEGIA

  • Le sue origini si trovano nell’elegia greca:

1) per il nome (da elegn= flauto, oppure da ee legein = ahi, dolore, ritornello di canzoni amorose, oppure da eu legein=  dire bene, cantare o ancora da elegos= canto di dolore con accompagnamento di flauto)

2) per il metro (distico elegiaco)

3) per i temi, che ci riportano a quando era una querimonia in onore dei defunti (threnos) o una celebrazione religiosa e patriottica con Archiloco, Callino, Tirteo, Solone, Senofonte, Focilide, Teognide, Mimnermo…[1] o all’’elegia ellenistica di Antimaco, Ermesianatte, Fileta, Partenio….. [2]

  • A Roma per “elegia” si intende un componimento poetico in distici elegiaci (diversamente da oggi: noi intendiamo con “elegia” qualsiasi descrizione poetica di tono mesto e malinconico)
  • Sorta in Ionia, del VII sec. a.C. si diffuse nel Peloponneso e originariamente era sempre accompagnata da flauto
  • Nata come componimento funebre, poi servì per esprimere sentimenti vari:

elegia patriottica con Callino,

elegia amorosa con Mimnermo,

elegia politica e morale con Solone,

elegia sentenziosa con Focilide

  • Gli alessandrini (Euforione, Callimaco, Fileta) le diedero carattere erotico- erudito che si trasmise a Roma
  • Con Catullo, Tibullo, Properzio, Ovidio andò spogliandosi dell’elemento erudito per dare maggiore spazio all’effusione del sentimento personale
  • Temi dell’elegia d’amore:

amore

dolore per l’abbandono

timore e pensiero della morte

malattia del poeta

confronto con il mito

donna come DOMINA.

 Latineloqui69


[1] Ma con questi era ancorano ancora sfoghi del cuore, non voci dell’anima!!!

[2] Ma con questi l’elemento soggettivo è unito al mito per gusto dell’erudizione: sono ancora lontani dalla pienezza dell’espressione personale!!!

Epigramma ed elegia a confrontoultima modifica: 2016-08-21T11:01:58+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo