TAG la scuola serve


Il sacro fuoco dei prof.

Meno male che ci sono ancora tanti prof. con il “sacro fuoco”… E sono tanti… Sono quelli bravi. Quelli validi. Quelli che lasciano il segno nella crescita dei propri studenti. Quelli che ci credono ancora. Quelli ancora pervicacemente convinti che diventare MENTORE dei propri studenti non è una chimera o un’aspirazione ormai passata di moda, ma una missione, sempre viva e sempre sacra. Anzi, oggi più sacra che mai. Oggi che il mestiere di prof. è sempre più bistrattato. Oggi che il prestigio sociale di un insegnante scende sempre di più, di pari passo con il valore del suo stipendio. Oggi che un docente combatte in trincea, in una battaglia teoricamente persa in partenza, visto che le sue “armi” sono molto desuete e spuntate, scariche, inutili contro l’esercito del selfie, la tecnologia sopra ogni cosa, la velocità della vita, che cozza contro ciò che serve allo studio vero e profondo: la lentezza, la concentrazione, l’essere a-tu-per-tu con il testo che si sta studiando, che magari ci parla dal passato, con una vocina flebile che non riesce a farsi udire, sovrastata dalle storie di Istagram, dai video di YouTube, dai trilli delle chat di Whatsapp. Insomma, dal mondo esterno e tecnologico. Dall’alterità rispetto al “noioso” studio, al dovere (che parola démodé!), alle leopardiane “sudate carte”.  In una parola, dal diversivo.

Nonostante tutto e nonostante tutti, alcuni di noi resistono. In qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo!

Volete vederne un esempio chiarificante?

Provate qui:

Susamatta_blogspot

Troverete un post “gemello di questo”, dedicato ad una carissima collega!

 

latineloqui69