Anche Maradona ci lascia..

“Voglio diventare l’idolo dei ragazzi poveri di Napoli, perché loro sono come ero io a Buenos Aires” (5 luglio 1984, Stadio San Paolo, presentazione ufficiale) 

In questa foto, una delle più diffuse sul web da quando si è diffusa la triste notizia, Diego è esattamente come lo ricordo io: esultante, irruento, deciso, assertivo. Ma anche spavaldo, fiero di sé. Campione del mondo ma anche campione d’Italia due colte con il Napoli. Sapeva di essere considerato il più grande calciatore del mondo dopo Pelè. E se la godeva. Faceva quello che gli piaceva in modo estasiante, incantando folle di tifosi che lo veneravano. Non solo i napoletani, ma loro in modo particolare . Se mi si passa l’affermazione quasi blasfema, lo avevano affiancato a San Gennaro. La gente impazziva quando lo vedeva. Le donne, non parliamone proprio… Perché? Perché sapeva di mito, di icona, di vip, di self-made man…

Ricordo quello che mi diceva mio padre quando faceva volare il Napoli verso lo scudetto: “Anche se non siano napoletani e non tifiamo Napoli dobbiamo essere contenti, perché uno come lui se lo merita. Lui ha conosciuto la povertà assoluta”.

E io, romanista sfegatata durante la mia adolescenza, non potevo che concordare in questo (forse l’unica cosa in cui concordavo con mio padre, ma questa è un’altra storia…).

Forse per questo ha avuto una vita difficile, fatta di trionfi in campo ma tantissimi guai come uomo, con i suoi problemi di droga, con la giustizia, con conoscenze non proprio ortodosse. Ma per questo ha pagato di persona…

Per questo non posso non intristirmi per quest’altra grande perdita di questo maledetto 2020…

Addio, Pibe de oro. Sei stato una “fragile grandezza”, come ti hanno definito oggi sul web, ma ci hai incantato…

P. S. Il mio blog sta diventando una specie di rubrica per annunci mortuari…

E bastaaaaaa!

 

Anche Maradona ci lascia..ultima modifica: 2020-11-25T21:35:53+01:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *