Massimo Troisi

Napoli fatta mito

Massimo Troisi

 

A Massimo Troisi

“Non so che teneva dint’a capa,
intelligente, generoso, scaltro,”

“per lui non vale il detto che è del Papa,
morto un Troisi non se ne fa un altro.
Morto Troisi muore la segreta
arte di quella dolce tarantella,
ciò che Moravia diceva del Poeta
io lo ridico per un Pulcinella.

La gioia di bagnarsi in quel diluvio
di jamm, o’ saccio, ‘naggia, oilloc, azz!
Era come parlare col Vesuvio, era come ascoltare del buon Jazz.
“Non si capisce”, urlavano sicuri,
“questo Troisi se ne resti al Sud!”
Adesso lo capiscono i canguri,
gli Indiani e i miliardari di Hollywood!

Con lui ho capito tutta la bellezza
di Napoli, la gente, il suo destino,
e non m’ha mai parlato della pizza,
e non m’ha mai suonato il mandolino.”

“O Massimino io ti tengo in serbo

fra ciò che il mondo dona di più caro,
ha fatto più miracoli il tuo verbo
di quello dell’amato San Gennaro”.

Roberto Benigni

Che altro aggiungere a questa poesia- omaggio del suo amico e collega, insuperabile co-protagonista dello spettacolare “Non ci resta che piangere”?

Niente, non serve proprio nient’altro! Lo rappresenta alla perfezione, come un quadro, come un ritratto, come un disegno a matita di un bravo ritrattista…

Nient’altro, se non legarla ad una delle più belle canzoni mai sentite in uno dei più bei film mai rappresentati sulla scena italiana: “Pensavo fosse amore, invece era un calesse”.

Un duo irripetibile: Troisi e Daniele.

Quando
Tu dimmi quando, quando
Dove sono i tuoi occhi e la tua bocca
Forse in Africa che importa
Tu dimmi quando, quando
Dove sono le tue mani ed il tuo naso
Verso un giorno disperato
Ed io ho sete
Ho sete ancora, ho sete ancora
Tu dimmi quando, quando
Non guardarmi adesso amore
Sono stanco
Perché penso al futuro
Tu dimmi quando, quando
Siamo angeli che cercano un sorriso
Non nascondere il tuo viso
Perché ho sete, ho sete ancora, ho sete ancora
E vivrò, sì vivrò
Tutto il giorno per vederti andar via
Fra i ricordi e questa strana pazzia
E il paradiso, che forse esiste
Chi vuole un figlio non insiste
Oh no, oh no
Tu dimmi quando, quando
Ho bisogno di te almeno un’ora
Per dirti che ti amo ancora
Tu dimmi quando, quando
Lo sai che non ti avrò e sul tuo viso
Sta per nascere un sorriso
Ed io ho sete, ho sete ancora, ho sete ancora
E vivrò, sì vivrò
Tutto il giorno per vederti andare via, uh
Fra i ricordi e questa strana pazzia
E il paradiso, che forse esiste
Chi vuole un figlio non insiste
Oh no, no, no
Lo sai che non ti avrò e sul tuo viso
Sta per nascere un sorriso
Io ho sete, ho sete ancora, ho sete ancora
Tu dimmi quando, quando, mmh…

 

Da ascoltare, assolutamente! In cd, sul web, su vinile, come vi pare, ma da ascoltare!!!

 

latineloqui69

Massimo Troisiultima modifica: 2018-04-06T19:43:44+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo

Commenti

Massimo Troisi — 1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *