La ginestra

(…)

E’ il gener nostro in cura
All’amante natura. E la possanza
Qui con giusta misura
Anco estimar potrà dell’uman seme,
Cui la dura nutrice, ov’ei men teme,
Con lieve moto in un momento annulla
In parte, e può con moti
Poco men lievi ancor subitamente
Annichilare in tutto.
Dipinte in queste rive
Son dell’umana gente
Le magnifiche sorti e progressive.

(…)

 

Come d’arbor cadendo un picciol pomo,
Cui là nel tardo autunno
Maturità senz’altra forza atterra,
D’un popol di formiche i dolci alberghi,
Cavati in molle gleba
Con gran lavoro, e l’opre
E le ricchezze che adunate a prova
Con lungo affaticar l’assidua gente
Avea provvidamente al tempo estivo,
Schiaccia, diserta e copre
In un punto; così d’alto piombando,
Dall’utero tonante
Scagliata al ciel, profondo
Di ceneri e di pomici e di sassi
Notte e ruina, infusa
Di bollenti ruscelli,
O pel montano fianco
Furiosa tra l’erba
Di liquefatti massi
E di metalli e d’infocata arena
Scendendo immensa piena,
Le cittadi che il mar là su l’estremo
Lido aspergea, confuse
E infranse e ricoperse
In pochi istanti: onde su quelle or pasce
La capra, e città nove
Sorgon dall’altra banda, a cui sgabello
Son le sepolte, e le prostrate mura
L’arduo monte al suo piè quasi calpesta.
Non ha natura al seme
Dell’uom più stima o cura
Che alla formica: e se più rara in quello
Che nell’altra è la strage,
Non avvien ciò d’altronde
Fuor che l’uom sue prosapie ha men feconde.

Ogni volta che- come oggi- la terra trema e ci svegliamo nel panico per una scossa di terremoto più o meno forte mi vengono in mente queste parole profetiche del GRANDISSIMO Giacomo Leopardi.

RIcordiamolo sempre: la natura ci può “annichilare in tutto” in meno di un attimo (“subitamente”).

Qui si parla di un’eruzione vulcanica-d’accordo. Ma un terremoto non è un fenomeno poi così diverso o meno temibile. Noi uomini siamo- nell’ammonimento che il poeta ci indirizza- il “popol di formiche” a cui una mela matura (piccola, per giunta) “atterra” in pochi attimi i “dolci alberghi”, cioè la nostra casa, i nostri averi, la nostra vita.

Meditiamo, gente, meditiamo. Oggi in maniera particolare, purtroppo….

latineloqui69

 

La ginestraultima modifica: 2016-08-24T12:25:28+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo