Il nome della rosa

rosa

Il nome della rosa è un romanzo scritto da Umberto Eco, pubblicato per Bompiani nel 1980, ambientato sul finire dell’anno 1327, si presenta con un classico espediente letterario, quello del manoscritto ritrovato, opera, in questo caso, di un monaco di nome Adso da Melk, che, divenuto ormai anziano, decide di mettere su carta i fatti notevoli vissuti da novizio, molti decenni addietro, in compagnia del proprio maestro Guglielmo da Baskerville. La vicenda si svolge all’interno di un monastero benedettino dell’Italia Settentrionale, ed è suddivisa in sette giornate, scandite dai ritmi della vita monastica.

Il romanzo ha ottenuto un vasto successo di critica e di pubblico, venendo tradotto in oltre 40 lingue con oltre 50 milioni di copie in trent’anni. Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti, tra cui il Premio Strega del 1981, ed è stato inserito nella lista de “I 100 libri del secolo di Le Monde“.

La scelta del titolo richiama inoltre il motto nominalista tratto dal De contemptu mundi di Bernardo Cluniacense, che chiude il romanzo: “Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus” (“La rosa primigenia [ormai] esiste [soltanto] in quanto nome: noi possediamo nudi nomi”) — nel senso che, come sostenuto dai nominalisti, l’universale non possiede realtà ontologica ma si riduce ad un mero nome, ad un fatto linguistico. Il titolo inoltre rimanda implicitamente ad alcuni dei temi centrali dell’opera: la frase “Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus” ricorda anche il fatto che di tutte le cose alla fine non resta che un puro nome, un segno, un ricordo. Così è per la biblioteca e i suoi libri distrutti dal fuoco, ad esempio, e per tutto un mondo, quello conosciuto dal giovane Adso, destinato a scomparire nel tempo.

Dal romanzo è stato tratto l’omonimo film nel 1986, affidato alla regia di Jean-Jacques Annaud, con Sean Connery nei panni di Guglielmo e Christian Slater nel ruolo di Adso.

Completamente diverse le due opere: il primo, pur avendo l’impostazione del romanzo giallo, è innanzitutto un romanzo filosofico; il secondo, pur avendo il sapore del romanzo filosofico che rimane sullo sfondo, è un vero e proprio romanzo giallo. Per questo motivo il secondo è più fruibile del primo…

rosa2

(Liberamente tratto da Wikipedia, l’enciclopedia libera).

latineloqui69

Il nome della rosaultima modifica: 2016-08-22T10:07:30+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo