L’isola e le rose

ISOLA_ROSE

Altra fortunata prova narrativa da parte del magistrale Walter Veltroni, autore di altri famosi e gradevoli romanzi come Noi e La scoperta dell’alba.

Stavolta siamo agli inizi del Sessantotto e si parte da una storia vera, da un tentativo di dar vita ad un’isola libera, indipendente ed extra-territoriale.

Non solo è bellissima la storia, ma è fantastica l’ambientazione, che ricorda una UTOPIA di liceale  memoria, è ineccepibile la forma espressiva, è coinvolgente l’intreccio.

Fantastica, a livello linguistico, la “trovata” iniziale del NARRANT, che all’inizio si scambia per una banale refuso di stampa, ma che poi prorompe in tutta la sua nobiltà classica quando arrivano TRADUNT e DICUNT!!!

Bellissima, inoltre, la scelta del titolo: sino alla fine ci si  aspetta un molto più banale e scontato L’ isola delle rose e SOLO nei ringraziamenti finali si dà ragione del più originale L’isola E le rose!!

Ai lettori ATTENTI e capziosi l’onore di sciogliere l’enigma letterario!

 

latineloqui69

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’isola e le roseultima modifica: 2014-06-30T20:56:29+02:00da latineloqui69
Reposta per primo quest’articolo